Agricoltura di Precisione e Difesa Integrata: pubblicate le linee guida e le linee guida ministeriali

Postato in 2/2018

Il ministero delle Politiche Agricole alimentari e forestali ha pubblicato le “Linee guida per lo sviluppo dell’Agricoltura di Precisione in Italia”.

Questo documento esamina i vari fattori di innovazione per le principali attività agricole presenti in Italia, tra cui la silvicoltura, le coltivazioni in pieno campo, le colture protette, la zootecnia, la viticoltura, in linea con quanto definito dall’Unione Europea, che elenca le quattro direttrici verso la sostenibilità:

  1. l’efficienza economica, la redditività, la sostenibilità e la stabilità dei sistemi agricoli, con riferimento alle colture, agli allevamenti ed alle attività forestali nei diversi contesti
  2. la conservazione e riproduzione delle risorse naturali e della biodiversità e la produzione di servizi ambientali, tra cui la mitigazione dei cambiamenti climatici
  3. la produzione (controllata e costante) di cibi sani, salutari e di elevata qualità
  4. le relazioni tra agricoltura e comunità locali in grado di assicurare la qualità della vita nelle aree rurali.

Le Linee Guida si completano anche con degli schemi di un livello normativo ben armonizzato con il quadro europeo e mondiale per la Politica Agricola Comune, insieme alle norme sulla sicurezza delle informazioni e della privacy in termini di elaborazione dei dati del settore agricolo attraverso le emergenti tecnologie del cloud computing e l'applicazione del paradigma “big data”.

Scarica le linee guida

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha aggiornato per il 2018 i documenti relativi all’accesso, gestione e controllo del Sistema SQNPI (Sistema di Qualità nazionale di Produzione Integrata), le Linee guida nazionali per la Difesa Integrata e le Tecniche Agronomiche.

Per produzione integrata si intende quel sistema di produzione agro-alimentare che utilizza tutti i metodi e mezzi produttivi e di difesa dalle avversità delle produzioni agricole, volti a ridurre al minimo l’uso delle sostanze chimiche di sintesi e a razionalizzare la fertilizzazione, nel rispetto dei principi ecologici, economici e tossicologici.

Al fine di coniugare tecniche produttive compatibili con la tutela dell’ambiente naturale con le esigenze tecnico-economiche dei moderni sistemi produttivi e di innalzare il livello di salvaguardia della salute degli operatori e dei consumatori, si definiscono i criteri generali in materia di tecniche agronomiche, come base di riferimento per la predisposizione dei disciplinari regionali e i relativi piani di controllo. 

L’applicazione delle Linee Guida Nazionali è normalmente prevista a livello aziendale o per singolo appezzamento. Nelle aree in cui la dimensione media degli appezzamenti è molto ridotta e l’attuazione è garantita da adeguati livelli di assistenza tecnica organizzata e di conoscenza del territorio, forme associate di produttori possono subentrare all’agricoltore nella applicazione dei disciplinari regionali/provinciali.

Al fine di garantire il rispetto delle peculiarità climatico/ambientali, ogni Regione potrà differenziare le proprie Norme tecniche dalle linee guida.

Scarica le linee guida

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information